Numerouno, En papier

NUMEROUNO, EN PAPIER

Giulia Berra, Massimo Dalla Pola, Ilaria Del Monte, Riccardo Gusmaroli, Barbara Nahmad, Quadreria Romantico Seriale, Eduardo Ruiz Relero, Marina Scognamiglio

Inaugurazione: giovedì 31 marzo 2011, dalle ore 18.30

In mostra dal 31 marzo al 31 maggio 2011

Circoloquadro, via Thaon di Revel 21, Milano

Circoloquadro inaugura la sua seconda mostra Numerouno, En papier, interamente dedicata ai lavori su carta. Da sempre supporto tradizionale, la carta qui si trasforma, muta, si trasfigura e diventa “il” mezzo espressivo. Si piega infatti alle esigenze, ai desideri, alle urgenze degli artisti diventando puro strumento di espressione e comunicazione.

Numerouno, En papier è un piccolo viaggio alla scoperta dell’uso odierno di questo antichissimo materiale. Si scopre allora non solo la presenza di tecniche diverse per ognuno degli artisti in mostra, ma anche di “carte” insolite e disparate.

Così Giulia Berra utilizza carta di riso giapponese che disegna e, letteralmente, ricama con fili di seta; Massimo Dalla Pola stampa a inchiostro strutture vegetali ingigantite e indagate fino all’essenza da una scansione a contatto. Nelle mani di Ilaria Del Monte la carta prende vita e si anima di figure in bilico tra la realtà e il sogno, tra la ragione e l’inconscio. Si apre e ci viene incontro la carta che Riccardo Gusmaroli taglia, piega e manipola quasi alla ricerca di un contatto fisico con l’osservatore. Si caricano di ordinario e di straordinario le pagine di “Life”, di quasi cinquanta anni fa, che Barbara Nahmad utilizza per i suoi ritratti, che si ancorano fortemente alla storia quotidiana e che allo stesso tempo emergono per la forza della loro storia personale che diventa universale. Graffi, inchiostro e olio su carta fotografica, così Quadreria Romantico Seriale ci restituisce la mistica frammentata della nostra esistenza. Eduardo Ruiz Relero sceglie la tecnica dell’acquaforte, condotta con sapienza e gusto d’altri tempi, ma che si piega a una descrizione amara e ironica della società attuale. Con la stessa maestria Marina Scognamiglio riflette sulla dimensione urbana nella quale siamo immersi attraverso l’uso della xilografia: anche qui la carta è quella del giornale in un gioco colto e pop allo stesso tempo.

Nel mese di aprile e maggio verranno organizzati due incontri con Marina Scognamiglio, che spiegherà e illustrerà alcune delle tecniche utilizzate dagli artisti in mostra. Il primo incontro (ad aprile, in data da definire) sarà dedicato alla tecnica della xilografia.